Il sito web utilizza i cookies per assicurare la migliore esperienza del sito. Leggi di più>>

Il sistema di scommesse danese

La strategia di scommesse danese è molto diffusa nelle scommesse poiché è collegata a rischi bassi ed è facile da capire. Si basa su una somma crescente nella progressione aritmetica della scommessa e sull'aumento delle quote dopo ogni perdita. L'algoritmo è usato sia dagli scommettitori principianti che professionisti.

Come funziona la strategie di scommesse danesi

Il principio fondamentale della strategia danese è l'aumento di ogni puntata successiva dopo una perdita. Allo stesso tempo, a differenza del sistema Martingale, l’importo aumenta in progressione aritmetica piuttosto che geometrica, cioè una certa somma di denaro pari alla sua dimensione iniziale viene aggiunta alla scommessa dopo una perdita. Anche le quote si aumentano dopo ogni perdita. Nel caso di una vittoria, il ciclo ricomincia con una puntata e una quota minima.

Esempio di applicazione della strategia di scommesse danese

Ad esempio un bankroll è di 500 euro e la puntata iniziale è 5 euro, cioè l'1% del bankroll e quota è 1.5. In caso di perdita, la seconda puntata sarà già 10 euro e la quota dovrebbe essere più alte di quelle precedenti, ad esempio 2. La terza puntata sarà 15 euro sull'evento con quota 2.5. Successivamente la quarta scommessa sarà di 20 euro con quota 3.0. Supponiamo che lo scommettitore vince facendo la quinta puntata. La puntata era di 25 euro con quota 3.5. Il profitto sarà 87,5-25 = 62,5 euro. In questo caso lo scommettitore recupera l’importo perso nelle quattro fasi precedenti, e ottiene anche il profitto di 12,5 euro.

Vantaggi e svantaggi della strategia di scommesse danese

Come ogni altro sistemo utilizzato nelle scommesse, questo sistemo ha i suoi vantaggi e svantaggi. L'elenco dei vantaggi include:

  • Il rischio di perdere l’intero bankroll è più basso, perché la puntata aumenta nella progressione aritmetica piuttosto che geometrica.
  • Una vincita consente di recuperare tutte le perdite precedenti e di ottenere un profitto.
  • La somma di vincite aumenta ad ogni passo a causa dell'aumento sia delle puntate che delle quote.
  • L'elenco degli svantaggi della strategia di scommesse danese include:

    • Con ogni puntata successiva la probabilità di vincere diminuisce, perché aumenta la quota. E quindi l'algoritmo diventa rischioso già dopo quattro perdite.
    • La maggior parte degli scommettitori iniziano ad avere il panico dopo la terza o la quarta perdita. È sempre difficile fare puntate consistenti sugli eventi con quote alte dal punto di vista psicologico.
    • Uno scommettitore rischia una parte significativa del bankroll dopo alcune perdite.

    Le regole per gli scommettitori

    Chi ha deciso di seguire il sistema di scommesse danese dovrebbe osservare le seguenti regole:

    • La puntata minima non deve superare l'1% del bankroll. Lo stesso importo viene aggiunto a ogni successiva puntata dopo la perdita.
    • La quota aumenta di circa 0,5 dopo ogni perdita.
    • Qualsiasi tipo di puntata andrebbe bene per le prime tre scommesse. Dopo invece si consiglia di scegliere le scommesse con l'opzione di ritorno, ad esempio over/under individuali oppure handicap. Ciò potrebbe ridurre il rischio di perdere.
    • Dopo quattro o cinque perdite è meglio passare alle scommesse multiple. E’ collegato al fatto che la vincita con le scommesse multiple con quote 1.5-1.7 è molto più alta di quella della scommessa ordinaria con quota 4.

    Il sistema di scommesse danese è ottimo per il calcio, in quanto in quel tipo di sport vengono sempre presentate diverse opportunità di vincere.

    Per guadagnare usando questo sistema è importante pianificare correttamente il budget e seguire la strategia scelta. In generale, questo schema è piuttosto rischioso anche se uno scommettitore può ottenere un buono profitto usandolo in modo corretto.

    Potrebbe essere interessante